lunedì, novembre 19Città di Vittoria

GDL Vittoria – 30 Marzo 2018

Share Button

I libri proposti e commentati dal gruppo dei lettori sono stati i seguenti:

La morte dell’agave” /E. Giudice
In questo suo ultimo lavoro intitolato “La morte dell’agave”, tratta delle problematiche del nostro tempo inquinato dalla caduta di senso di ogni certezza, sia morale che pragmatica, d’ogni prospettiva che coinvolga l’uomo in un destino di sopravvivenza e di speranza. S’impone il sogno utopico di un divenire diverso, sul tracciato del volontarismo benefico, della solidarietà concorrenziale, per cui l’uomo potrà ritrovare il suo obiettivo primario sulla terra, che riguarda la sua forma d’esistenza, tra gli altri uomini, nel franare d’ogni fiducia nelle sue sole capacità. Quindi, appare esplicativo l’esergo d’avvio: “Le agavi fioriscono una sola volta dopo 10- 40 anni di vita vegetativa e poi muoiono…”
John Henry Clay

448 d.C. L’impero romano si sta sgretolando. Molti romani ormai vivono sotto il dominio di re barbari. Politici furbi e generali ambiziosi si contendono il potere. Dalla Germania arriva una minaccia ancora più scura: Attila, re degli Unni, sta raccogliendo le sue orde ed è determinato ad annientare Roma una volta per tutte. Toccherà a tre giovani tenere alto il sogno di Roma, la città più potente del mondo intero. Ricostruzioni perfette, aneddoti storici, caratterizzazioni dei personaggi ci permettono di vivere realmente in quel mondo di centinaia di anni fa. Avventure, battaglie, amori, lotte intestine allo stesso esercito romano, tradimenti e complotti. Dolore, lutti, tradizioni secolari, segreti e misteri del passato che riaffiorano ad ogni pagina e condizionano la vicenda e la rendono attuale.

Grazia Deledda

In un villaggio sardo, Galte, ( Sardegna) vive la nobile famiglia Pintor: padre, rosso e violento come il diavolo. Le donne, dedite ai lavori domestici, restano a casa. A questa condizione femminile si ribella solo Lia, trasgredendo le regole imposte dal genitore, fugge sulla penisola. Qui si sposa e ha un figlio. “Un’ombra di morte gravò sulla casa: mai nel paese era accaduto uno scandalo eguale; mai una fanciulla nobile e beneducata come Lia era fuggita così.” Sullo sfondo della Baronie, vengono esposte le tematiche della povertà, dell’onore e della profonda superstizione. La Sardegna rurale del primo Novecento  non è una storia fine a se stessa, né rinchiusa nei confini della Sardegna. Quel che vale per la Sardegna vale anche per il resto d’Italia di allora.

di Elena Ferrante

L’amica geniale comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L’autrice scava intanto nella natura complessa dell’amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l’Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame.

Andrea Camilleri

Un triplice omicidio è avvenuto: un dongiovanni che vive al di sopra dei suoi mezzi e due anziani. Montalbano indaga tra i vecchietti.
La sensibilità, l’umanità che traspare dal racconto, colpisce e commuove la nostra lettrice, dimostrando quale “grande” autore sia Camilleri.

Milly Johnson

Sulla soglia dei quarant’anni, una donna, che da tempo desidera avere un figlio senza riuscirci, coinvolge due vecchie amiche in una spedizione a un antico monumento a un dio della fertilità nello Yorkshire e, contro ogni probabilità nonché contro ogni legge scientifica, tutte e tre restano incinte. Un romanzo piacevole, non impegnativo.

Giuseppe Catozzella

Samia una ragazzina somala atleta, il suo sogno è di arrivare alle Olimpiadi di Pechino… Correre diventa sinonimo di libertà in ogni senso.

 

Sthephen King

Da leggere per chi ama gli horror. Lo stile di King non si discute, è un maestro nel destreggiarsi tra gli stati d’animo dei protagonisti e i colpi di scena.

 

 

 

 

 

 

 

Translate »
Zoom
Contrasto